Logo romaCrea Notizie
Pubblicazione della CCIAA di Roma a carattere economico - Registrazione del Tribunale di Roma n.266/2010 Direttore responsabile: Massimiliano Colella
Editore: Camera di Commercio Industria Artigianato e Agricoltura di Roma - Via de' Burrò, 147 00186 Roma - [t] 066976901
Imprese: Istat, male il 2009, sono sempre meno e 95% sono micro
Flash -

Imprese: Istat, male il 2009, sono sempre meno e 95% sono micro

RCN - 27 Ottobre 2011

(TMNews) – I dati del 2009 sulle imprese attive dell’industria e dei servizi di mercato si confermano a tinte fosche a causa dei pesanti “effetti della recessione” che hanno causato una riduzione della base produttiva e un sostanziale peggioramento della performance economica rispetto al 2008. Lo rileva l’Istat secondo cui il sistema, rispetto all’anno precedente, ha registrato una flessione sia del numero delle imprese (-1,2%) sia degli addetti (-2,0%), con una forte riduzione del valore aggiunto (-11,7%).

In questo contesto le microimprese (con meno di 10 addetti)si confermano predominanti nella struttura produttiva italiana, rappresentano il 94,8% delle imprese attive, ma contano il 47,5% degli addetti e solo il 25,5% del valore aggiunto realizzato. Nelle grandi imprese (con almeno 250 addetti), che ammontano a 3.502 unità, si concentrano il 18,9% degli addetti e il 30,4% del valore aggiunto. Nelle microimprese il 64,2% dell’occupazione è costituita da lavoro indipendente.

Nel 2009, spiega l’Istat, le imprese attive dell’industria e dei servizi di mercato sono 4.383.544 e occupano circa 17 milioni di addetti, di cui 11,4 milioni di dipendenti; la dimensione media delle imprese è particolarmente bassa (3,9 addetti per impresa) seppure in aumento negli ultimi anni. Complessivamente, le aziende conseguono un valore aggiunto complessivo di circa 630 miliardi di euro. Il valore aggiunto per addetto è invece pari a 37,2 mila euro; il costo del lavoro per dipendente risulta di 33 mila euro; la retribuzione lorda per dipendente ammonta a 23,7 mila euro e l’ incidenza dei profitti lordi sul valore aggiunto è del 17,7%.

Il settore dei servizi di mercato, con  il 75,5% di imprese, il 62,4% di addetti e il 56,4% di contributo  alla creazione di valore aggiunto, si conferma “il più importante
settore dell’economia nazionale in termini quantitativi”. L’industria in senso stretto rappresenta il 10,3% delle imprese, il 26,3% degli addetti e il 34,2% del valore aggiunto; mentre nel settore delle costruzioni si concentrano il 14,2% delle imprese, l’11,3% degli addetti e il 9,4% del valore aggiunto.

Nel 2009 le imprese manifatturiere esportatrici testimoniano una più elevata produttività apparente del lavoro (il valore aggiunto per addetto è di 52,2 migliaia di euro) rispetto a quelle orientate esclusivamente al mercato interno (27,3 migliaia di euro), con un differenziale positivo riscontrato in tutte le classi dimensionali delle imprese.
La retribuzione lorda media annua per dipendente è risultata, nel complesso, pari a 23,7 mila euro, con un aumento dello 0,2 % rispetto al 2008. Questa presenta nell’industria in senso stretto un valore maggiore rispetto al valore medio (25,9 mila euro) e uno inferiore nelle costruzioni (22,7 mila euro) e nei servizi (22,4 mila euro). I livelli retributivi appaiono “fortemente differenziati” tra le diverse dimensioni aziendali: in particolare, i lavoratori dipendenti delle microimprese percepiscono una retribuzione annua pro-capite di 18,4 mila euro, il 65,6% di quella percepita in media dai dipendenti delle imprese con 250 addetti e oltre (28,1 mila euro).

Anche il costo orario del lavoro per dipendente è minore nelle microimprese. Il costo orario che è pari a 20,4 euro nel 2009 (era 19,8 mila euro nel 2008), presenta elevate differenze fra le classi dimensionali, aumentando in funzione della dimensione aziendale. In particolare, conclude l’Istituto, nelle microimprese è pari a 15,3 euro, rappresentando il 66,8 % di quello delle medie imprese (22,8 euro) e il 60,1% di quello delle grandi imprese (25,4 euro).

 

Facebook

 

In evidenza
© 2020 Camera di Commercio di Roma - Qualunque utilizzo è vietato se non autorizzato dell'ente - Sito realizzato da Menexa
Informativa Privacy