Logo romaCrea Notizie
Pubblicazione della CCIAA di Roma a carattere economico - Registrazione del Tribunale di Roma n.266/2010 Direttore responsabile: Massimiliano Colella - Editore: Camera di Commercio Industria Artigianato e Agricoltura di Roma - Via de' Burrò, 147 00186 Roma - [t] 0652082979

20 giugno 2013

Cinema: bando da 3 milioni di euro per la digitalizzazione delle sale

Dal prossimo 1° luglio il mondo del cinema italiano e le sale italiane in particolare entreranno nell’era del 2.0, quella del digitale. Scomparirà la pellicola e quelle sale raccontate da Tornatore in “Nuovo Cinema Paradiso” si dovranno adeguare al nuovo sistema. Molte sale, le più grandi, si sono adeguate per tempo, ma tante, le piccole e medie imprese, avrebbero rischiato la chiusura, con la conseguente emergenza lavorativa, sela Regione Lazio, grazie al lavoro che sta portando avanti sul recupero dei fondi europei che rischiavano di tornare a Bruxelles, non si fosse messa in moto.

La Regione, infatti, per tali motivi, ha voluto lanciare un bando rivolto alle Pmi di questo settore che prevede lo stanziamento di 3 milioni di euro con contributo a fondo perduto pari al 70% e un limite massimo di 200mila euro più un ulteriore stanziamento di 400mila euro destinato ad associazioni senza scopo di lucro e alle sale cinematografiche della comunità attraverso il Fondo regionale per il cinema e l’audiovisivo 2011.

I fondi saranno erogabili tramite sportello telematico fino a esaurimento risorse, con una possibilità di anticipo fino al 50% del contributo.

Nel Lazio, secondo l’Associazione Nazionale Esercenti Cinema (Anec), sono operativi 123 cinema, per un totale di 437 schermi (solo 245 sono digitalizzati). A Roma sono 82 i cinema, 333 schermi attivi (208 digitalizzati); a Frosinone operano 8 cinema con 24 schermi (8 digitalizzati); a Latina 14 con 46 schermi (12 digitalizzati); a Viterbo 18 con 29 schermi (12 digitalizzati); mentre a Rieti c’ e’ un solo cinema con 5 schermi tutti digitalizzati.

Un modo, dunque, questo, per rilanciare la cultura attraverso l’innovazione.

Per ulteriori info contattare il numero verde 800 01 22 83 o lo 06 51681

 

28 gennaio 2013

Irfi: domanda e offerta di competenze professionali, un progetto per incrociarle

Incrociare al meglio domanda e offerta di competenze professionali resta una delle questioni ancora aperte sul mercato del lavoro. A questo proposito, nasce il progetto TOI – S.M.A.R.T. KNOW. NET., presentato lo scorso 16 novembre, presso l’Università Sapienza di Roma, e sviluppato nel corso di due anni, con lo scopo di esportare e confrontare a livello europeo la piattaforma informatica KN che permette di rilevare la domanda di competenze nel mercato del lavoro per incrociarla con l’offerta di competenze proveniente dal mondo della formazione.

La globalizzazione dei mercati, infatti, impone ai paesi industrializzati di competere con i paesi emergenti sul fronte dell’innovazione e della ricerca. Anche a questo riguardo, pertanto, si è fatta più stringente la necessità di promuovere una maggiore interazione tra il sistema della formazione e della ricerca e il sistema produttivo, per ovviare allo scollamento sempre più ampio tra competenze richieste dal mercato del lavoro e competenze offerte dal sistema formativo.

Il cosiddetto Skills mismatch che la Commissione europea aveva già evidenziato nel 2010 con la comunicazione “New Skills for new jobs” è stato, di fatti, alla base del progetto Smart Know Net.

La Camera di Commercio di Roma, attraverso l’IRFI (Istituto romano per la formazione imprenditoriale), sua Azienda Speciale, aveva già iniziato a lavorare circa la possibilità di individuare i fabbisogni di competenze maggiormente richiesti dalle imprese attraverso la sperimentazione della piattaforma KN con le associazioni di categoria. A seguito, infatti, della positiva esperienza di sperimentazione a livello locale, è stato deciso di “internazionalizzare” la piattaforma e di condividerla con Sapienza Università di Roma, alleato storico dell’IRFI, e con un partenariato europeo (Spagna, Grecia, Polonia e Lettonia), per testare il sistema a livello più ampio.

L’esperienza europea ha permesso, così, di constatare come il rilevamento del fabbisogno di competenze sia la strada da percorrere per una maggiore occupabilità delle risorse umane.

Il sistema KN può essere implementato sia da un punto di vista tecnologico, rendendo la piattaforma operante anche in ambienti diversi da windows e apportando alcune modifiche per renderla maggiormente “user friendly”, sia da un punto di vista politico, con l’integrazione/utilizzo della stessa nei sistemi di recruitment e job placement sia pubblici che privati, quali quelli operati dalle Università, dai centri per l’impiego e dalle agenzie interinali.

I prossimi passi saranno orientati alla partecipazione ai bandi europei per la diffusione e valorizzazione dei risultati (programma LLP) e per gli scambi di Buone pratiche e Mutual Learning (Progetti Progress), nonché ad approfondire, anche attraverso finanziamenti nazionali e/o europei la possibilità di un’effettiva integrazione dal punto di vista tecnologico di KN con il sistema SOUL (Sistema Orientamento Università Lavoro), la banca dati di placement degli atenei romani.

Per ulteriori informazioni e per scaricare il report finale: www.irfi.it o www.smartkn.eu

 

 

 

 

 

 

 

19 dicembre 2012

Da Roma Capitale due milioni di euro a fondo perduto per le imprese

Promuovere la nascita di start up e favorire le piccole e medie imprese delle periferie romane: questo l’obiettivo principale del bando da due milioni di euro indetto dall’amministrazione di Roma Capitale.

Il bando, infatti, è destinato a finanziare progetti di investimento e sviluppo di piccole e micro imprese nuove o esistenti in aree di degrado urbano. L’intervento ha lo scopo di agevolare il potenziamento e la diffusione dell’economia nelle periferie romane, anche per creare nuova occupazione e migliorare le condizioni di vita dei cittadini.

L’importo di 2 milioni di euro è stato raggiunto dall’amministrazione attraverso l’utilizzo dei rientri dei finanziamenti agevolati previsti nei bandi svolti nel 2009 e 2010. L’agevolazione riguarderà il 50% dell’investimento ammissibile del valore compreso tra 50mila e 150mila euro. Le spese ammissibili riguardano gli investimenti in immobilizzazioni, come acquisto di macchinari, attrezzature, ristrutturazioni, arredi, hardware e software.

Le imprese beneficiarie del bando sono le micro e piccole imprese di persone o capitali, ditte individuali, cooperative di lavoro o sociali, di servizi socio-educativi operanti in tutti i settori di attività, con sede nelle aree della Capitale previste (consultabili sul sito www.autopromozionesociale.it), (a esclusione di agricoltura e pesca, attività estrattive e forniture di acqua ed energia, commercio all’ingrosso, bar e ristoranti, attività finanziarie, assicurative e similari, attività professionali e associative).

I progetti dovranno essere presentati entro il 31 dicembre 2012 e realizzati entro 12 mesi dalla sottoscrizione del contratto.

Info su http://www.autopromozionesociale.it/

 

26 giugno 2012

Regione Lazio: arriva Generazione Lavoro – Incentivi alla creazione d’impresa

Si chiama Generazione Lavoro – Incentivi alla creazione di Impresa, l’iniziativa, promossa dalla Regione Lazio, volta a incentivare l’autoimpiego di lavoratori all’interno del territorio regionale. Le risorse disponibili ammontano attualmente a 4 milioni di euro complessivi.
L’avviso pubblico prevede incentivi per progetti di start up d’impresa o progetti di partecipazioni in imprese già esistenti:

  • che siano realizzati da soggetti richiedenti, in forma singola o associata, in possesso dei requisiti di beneficiari (prevista la possibilità di costituire società anche coinvolgendo soggetti non beneficiari, secondo le modalità e le condizioni specificate nel bando);
  • che abbiano sede legale nel territorio regionale e almeno una sede operativa e/o una unità produttiva e/o una filiale nel territorio della Regione Lazio.

 Il contributo massimo ammissibile varia in relazione al numero dei soggetti richiedenti:

  • 30mila euro nel caso di singolo richiedente;
  • 55mila euro nel caso di due richiedenti;
  • 75mila euro nel caso di impresa composta da minimo tre richiedenti.

 Possono presentare domanda:

  • lavoratori inoccupati e disoccupati;
  • lavoratori occupati con rapporti di lavoro non stabili diversi dal rapporto di tipo subordinato a tempo indeterminato, in mono-committenza o connessi a un unico datore di lavoro per una durata non inferiore ai 4 mesi antecedenti la data di presentazione della domanda, con un reddito di lavoro lordo annuo da contratto, effettivo o presunto, non superiore ai 30mila euro;
  • lavoratori in cassa integrazione o in mobilità derivante da legislazione ordinaria.

 I lavoratori devono essere residenti nella Regione Lazio da almeno 30 giorni e iscritti a un Centro per l’impiego regionale (con l’eccezione dei lavoratori occupati).

Le richieste di contributo potranno essere presentate fino al 31 luglio 2012.

Ulteriori dettagli sono contenuti nel testo integrale dell’Avviso pubblico

Per informazioni contattare il numero verde 800 280 320

 

27 marzo 2012

DigIT@lia for talent: al via il concorso di idee per i creativi dell’Ict

Filed under: RomaCrea Notizie OnLine — Tag:, , , — RCN @ 10:27

È online “DigIt@lia for talent”, il nuovo concorso per idee promosso da Fondazione Italiana Accenture e Associazione Prospera – PROgetto SPERAnza – sulla piattaforma di innovazione sociale, ideaTRE60. Il concorso intende stimolare la produzione di idee innovative capaci di generare occupazione per i giovani nell’Information & Communication Technology (Ict), ovvero, attraverso la valorizzazione del digitale. L’obiettivo, infatti, è quello di realizzare la migliore idea che, puntando su un asset fondamentale per lo sviluppo, possa contribuire a costruire un futuro migliore per il nostro Paese.
Possono partecipare al concorso tutti i cittadini italiani e stranieri domiciliati in Italia, che abbiano compiuto18 anni. Le idee dovranno essere presentate entro il 30 giugno 2012 attraverso la piattaforma ideaTRE60.

Le proposte progettuali dovranno rientrare in una delle sette aree tematiche del progetto DigIT@lia:

  • Interazione, Controllo e Trasparenza nei Servizi pubblici
  • Superamento del digital divide: e-learning e 2.0
  • Infrastrutture di telecomunicazione
  • ICT per il benessere sociale nel futuro
  • Fabbriche digitali
  • ICT e Disabilità
  • Alfabetizzazione digitale

A ottobre una giuria di esperti sceglierà le tre idee migliori destinando al primo classificato un premio di 10mila euro e un finanziamento di 100mila euro per la realizzazione del progetto. Il secondo e il terzo classificato riceveranno rispettivamente un premio di 5mila e 3mila euro. I primi tre classificati si aggiudicheranno, inoltre, la possibilità di realizzare il business plan completo della propria proposta progettuale, grazie all’attività pro bono erogata dai manager associati a Prospera.

Tutte le informazioni sono disponibili al seguente link: http://ideatre60.it/node/12282

 
© 2017 Camera di Commercio di Roma - Qualunque utilizzo è vietato se non autorizzato dell'ente - Sito realizzato da Menexa
Informativa Privacy