Logo romaCrea Notizie
Pubblicazione della CCIAA di Roma a carattere economico - Registrazione del Tribunale di Roma n.266/2010 Direttore responsabile: Massimiliano Colella - Editore: Camera di Commercio Industria Artigianato e Agricoltura di Roma - Via de' Burrò, 147 00186 Roma - [t] 0652082979

24 luglio 2013

Innovens 2013, il concorso fotografico per start up

Il concorso fotografico Innovens è stato istituito nell’ambito del progetto Smart Europe con l’obiettivo di offrire una vetrina alle imprese innovative che possono generare nuovi posti di lavoro nei settori legati alla ricerca e all’innovazione. L’iniziativa è quindi un’importante opportunità per le start up di aumentare la propria visibilità al livello europeo.

Un modo anche per rappresentare possibili percorsi smart intrapresi da nuovi  imprenditori e sviluppare, così, idee innovative per entrare meglio sul mercato.

Partecipare è semplice. Basta scattare una foto, interessante e accattivante, e inserirla sul sito di Smart Europe insieme a una descrizione della storia dell’impresa. Tutti i contenuti devono essere in inglese.

I contributi delle prime 10 aziende classificate verranno pubblicati nelle prossime brochure di Smart Europe e sul sito web del progetto, mentre il vincitore parteciperà gratuitamente alla cerimonia di premiazione, che sarà organizzata nel 2014.

Le domande vanno inviate entro il 1 settembre 2013

Tutto suhttp://smart-europe.eu/

 

 

28 maggio 2013

ESA-Bic Lazio: un bando per le start up laziali

La Regione Lazio, BIC Lazio, l’Agenzia Spaziale Europea (ESA) e l’Agenzia Spaziale Italiana (ASI) lanciano il bando “ESA BIC Lazio” per sostenere la crescita di start-up laziali innovative. Il concorso, infatti, punta all’avvio di imprese che intendano applicare conoscenze e tecnologie di derivazione spaziale in altri settori di attività: dal monitoraggio ambientale allo sviluppo di nuovi materiali, dall’efficienza energetica ai sistemi di trasporto intelligente e geolocalizzazione.

Le risorse stanziate (per un periodo di due anni: dal 2013 al 2014) ammontano complessivamente a 500mila euro, messe interamente a disposizione da ESA e ASI. A ogni progetto selezionato spetterà un massimo di 50mila euro, per i costi legati allo sviluppo del prodotto o del servizio e alla relativa tutela di proprietà intellettuale, nel corso di due anni di ‘incubazione’.

Possono partecipare al bando: aspiranti imprenditori; ricercatori, professori e personale tecnico di organismi di ricerca pubblici, privati e di università; imprese in fase di start up (costituite da non più di 5 anni).

I vincitori saranno ospitati per due anni a Roma presso l’Incubatore ITech di BIC Lazio e usufruiranno di tutoraggio imprenditoriale e tecnico, oltre che di un supporto per accedere ad altri strumenti di finanziamento.

Le domande potranno essere presentate fino a esaurimento fondi.

Per ulteriori informazioni scrivere a esabiclazio@biclazio.it

Il bando è pubblicato sui siti web di BIC Lazio, ESA ed ASI:

www.asi.it

www.biclazio.it

www.esa.int/ttp

www.esa.int/bic

 

 

 

24 maggio 2013

Hai un’idea nel cassetto? Presentala alla Fiera delle startup

Al via la seconda edizione della Fiera delle startup organizzata da Il Sole24 Ore in partnership con Radio 24, Startupbusiness e Startuppami. Il 17 giungo prossimo, infatti, cento startup innovative occuperanno gli spazi della sede milanese del quotidiano economico, per contendersi l’attenzione di visitatori, investitori, imprenditori e curiosi.
La Fiera delle startup rappresenta un’occasione unica per tutti coloro che decideranno di scommettere sulla loro idea: alla fiera, infatti, parteciperanno addetti ai lavori, incubatori, venture capital e business angel.

Per presentare i progetti basterà inviare un video di 3 minuti, con la descrizione della propria iniziativa sul sito ufficiale. L’ammissione avverrà on a rolling basis a insindacabile giudizio del Gruppo 24 Ore fino alla capienza massima stimata di 100 startup. L’iscrizione al progetto è gratuita.

Per ulteriori informazioni e iscrizioni vai qui

 

26 febbraio 2013

Regione Lazio: incentivi per l’impresa sociale

La Regione finanzierà i progetti mirati a sostenere le persone non autosufficienti (anziani e disabili gravi), a favorire l’inclusione degli immigrati, a prevenire fenomeni di dipendenza (da alcool, droga e altre sostanze dannose) nonché a favorire l’inserimento sociale o lavorativo delle persone svantaggiate (tra cui donne come da normativa in vigore).

Per realizzare tali progetti (fra i quali sono compresi anche azioni di turismo sociale o la realizzazione di fattorie sociali) la Regione Lazio mette a disposizione 2 milioni e 441mila euro. Il bando resterà aperto fino a esaurimento fondi, ma la Regione potrà decidere di stanziarne altri in caso di progetti di particolare interesse e utilità. La domanda va presentata solamente online sul sito www.filas.it.

I progetti possono essere realizzati anche mediante l’utilizzo di tecnologie innovative e lo sviluppo di metodi che facilitino l’accesso al territorio da parte di soggetti svantaggiati.

Possono presentare la domanda:
– le cooperative sociali di tipo A e B;
– le cooperative di produzione e lavoro, le imprese di persone e di capitali (purché risulti dall’atto costitutivo il divieto di distribuzione, anche indiretta, degli utili di impresa) che esercitino in via stabile e principale un’attività di scambio di beni o servizi di utilità sociale e che, alla data di presentazione della domanda, rientrino nei parametri dimensionali di piccola e media impresa.

Naturalmente, per beni e servizi di utilità sociale si intendono quelli prodotti e scambiati nei settori:

  • a)  tutela dell’ambiente e dell’ecosistema con  particolare riguardo alle “fattorie sociali”;
  • b)  valorizzazione del patrimonio culturale e naturalistico attraverso attività di turismo sociale;
  • c)   turismo sociale;
  • d)   servizi strumentali alle imprese sociali;
  • e)   inserimento lavorativo di lavoratori svantaggiati e lavoratori disabili.

Sono, inoltre, ritenuti lavoratori svantaggiati:

– giovani di età inferiore ai 25 anni;
– giovani disoccupati che abbiano completato la formazione da non più di due anni;
–  donne iscritte ai Centri provinciali per l’impiego nelle circoscrizioni con alto tasso di disoccupazione;
–  qualsiasi persona riconosciuta come affetta, anche in passato, da una dipendenza ai sensi della legislazione nazionale;
–  qualsiasi persona che non abbia ottenuto il primo impiego retribuito regolarmente da quando è stata sottoposta a una pena detentiva o a un’altra sanzione penale.

Si può presentare un solo progetto per ottenere le agevolazioni riguardanti investimenti materiali e immateriali e spese di gestione. Saranno  considerati  ammissibili i costi, al netto di IVA, sostenuti successivamente alla presentazione della proposta progettuale e comunque entro i dodici mesi dalla data di comunicazione di ammissione alle agevolazioni. 

Chi avesse bisogno di ulteriori chiarimenti può inviare un’e-mail all’indirizzo impresasociale@filas.it indicando nell’oggetto “avviso pubblico impresa sociale”

 

 

 

 

 

19 dicembre 2012

La Regione Lazio favorisce le idee innovative

L’avviso pubblico Voucher per l’innovazione, cofinanziato dal Fondo Europeo di Sviluppo regionale, è finalizzato in particolare a facilitare lo sviluppo, la realizzazione e la diffusione di idee innovative proposte da micro e piccole imprese, attraverso l’erogazione di voucher per l’innovazione con i quali accedere a una serie di servizi avanzati. Il bando si applica all’intero territorio regionale.

Possono presentare progetti, infatti, le piccole e le micro imprese di produzione e/o di servizi alla produzione:

  • già costituite da almeno 6 mesi, all’atto dei presentazione dei progetti, e aventi una sede operativa nel territorio regionale;
  • con una media ponderata della base imponibile ai fini Irap, di competenza della Regione Lazio, pari ad almeno 15mila euro.

Il bando, inoltre, finanzia l’acquisizione di servizi per l’innovazione, riguardanti:

  • gestione della proprietà intellettuale;
  • technology intelligence;
  • supporto all’utilizzo del design;
  • aggiornamento organizzativo, crescita dimensionale e ricerca di nuovi mercati.

I servizi potranno essere oggetto di agevolazione esclusivamente se forniti, nella misura minima dell’80%, da fornitori di servizi principali che siano:

  • organismi di Ricerca, definiti come tali dalla normativa comunitaria, compresi gli incubatori di impresa che abbiano acquisito un livello adeguato di specializzazione nelle discipline proprie del servizio;
  • imprese o liberi professionisti, iscritti agli Albi professionali di riferimento, con un elevato livello di specializzazione nella fornitura dei servizi in oggetto.
    Il limite massimo dell’aiuto di Stato sarà pari al 70% delle spese ritenute congrue e ammissibili, e sarà comunque contenuto, in valore assoluto, entro i massimali indicati nel bando.

La domanda deve essere presentata esclusivamente per via telematica, compilando e inoltrando online, assieme alla documentazione richiesta, il modulo disponibile sul sito di Filas, fino al 30 giugno 2013, salvo esaurimento del fondo nel corso del periodo indicato. Entro 10 giorni dall’inoltro online, il modulo di domanda dovrà inoltre essere inviato, con raccomandata a/r, a Filas Spa.

Tutti gli ulteriori dettagli nel Bando, sul sito di Sviluppo Lazio

Informazioni al numero verde InformaPOR 800 914625

 

 

17 ottobre 2012

Al via la terza edizione di Premio Innovami Start-Up

Filed under: News — Tag:, , — RCN @ 09:41

Il Premio Innovami Start-Up – edizione 2012 -, promosso da Innovami, centro per l’innovazione e incubatore d’impresa con sede a Imola, è una competizione tra idee imprenditoriali e imprese innovative a base tecnologica o ad elevato contenuto di conoscenza, nata con l’obiettivo di sostenere la nascita e lo sviluppo di imprese che propongano al mercato nuovi prodotti, nuovi processi, nuovi metodi e nuovi servizi.

I relativi business plan saranno valutati sulla base dei seguenti criteri:

  • innovatività e originalità dell’iniziativa;
  • rapidità di sviluppo prevista per l’impresa;
  • realizzabilità tecnica;
  • composizione del management.

Tra i progetti presentati verrà inoltre valutato il miglior progetto nel settore energetico-ambientale che si aggiudicherà il premio per la sezione speciale Hera per l’Energia e l’Ambiente edizione 2012. I criteri di valutazione dei business plan in questo caso saranno:

  • sostenibilità socio-ambientale;
  • efficacia economico-gestionale.

I premi, eventualmente cumulabili, consistono in:

  • Innovami Start-Up 2012: un premio in denaro di 8 mila euro;
  • Sezione Speciale Energia-Ambiente 2012: un premio in denaro di 2 mila euro.

I candidati dovranno presentare domanda di ammissione corredata da un business plan del progetto di impresa o dell’impresa entro il 16 novembre 2012.
L’esistenza di altre forme di sostegno economico o la partecipazione – anche indiretta – a iniziative che utilizzino l’idea presentata, non costituiscono un impedimento all’ammissione, ma obbligano il candidato a darne comunicazione preventiva.

Il bando completo e ulteriori informazioni sul sito di Innovami. 

 

 

16 ottobre 2012

Sabato 20 ottobre primo appuntamento con InNovaCamp

Filed under: News — Tag:, , — RCN @ 13:20

Anche quest’anno l’Associazione ItaliaCamp, in collaborazione con la Pontificia Università Lateranense di Roma, in considerazione del proprio impegno civico nella ricerca di idee e progetti ad alto contenuto innovativo, organizzano InNovaCamp, il primo barcamp (dibattito destrutturato) presso quella che “a titolo speciale è l’Università del Papa”. Si chiamerà”Salvezza o dannazione – proposte e soluzioni anticrisi”  l’evento che si terrà sabato 20 ottobre a partire dalle ore 8,30, presso l’Ateneo Lateranense e vedrà il coinvolgimento delle più autorevoli realtà nazionali e internazionali afferenti al contesto istituzionale, al mondo imprenditoriale e della ricerca.

InNovaCamp si aprirà con la Lectio Magistralis del sociologo Zygmunt Bauman, quindi i lavori saranno introdotti dai saluti del vescovo Enrico dal Covolo, Rettore della Pontificia Università Lateranense; Gianni Letta, Presidente della Fondazione Civitas Lateranensis; Pier Luigi Celli, Presidente Fondazione ItaliaCamp; Fabrizio Sammarco, Presidente Associazione ItaliaCamp e Antonio Catricalà, Sottosegretario alla Presidenza del Consiglio. Alle ore 10.30 prenderanno il via 4 sessioni di dibattito, nell’ambito delle quali selezionati rappresentanti della società civile avranno 5 minuti di tempo per presentare la propria riflessione e idea sul provocatorio tema “Salvezza o dannazione: proposte e soluzioni anti crisideclinato nei seguenti ambiti: crescita e sviluppo; impresa e lavoro; ambiente ed energia; ricerca, scienza e tecnologia. In considerazione della delicata e intensa fase storica del nostro Paese, InNovaCamp è lanciato quale occasione di confronto per lo studio e proposta di nuovi modelli di sviluppo che sappiano coniugare in modo equilibrato crescita economica e benessere sociale, dunque, modelli idonei a ridurre le forti disuguaglianze sociali ed economiche delle società contemporanee. In tale ottica si intende evidenziare la rilevanza del confronto tra i diversi “credo” culturali, economici, religiosi e politici. In considerazione della tematica affrontata, l’evento valorizzerà le migliori idee che saranno presentate e pubblicate nel primo Rapporto sull’Innovazione Sociale, redatto dal Centro di Ricerca Internazionale per l’Innovazione Sociale “ItaliaCamp”. 

Per iscriversi a InNovaCamp basta compilare il seguente modulo.

Per ulteriori informazioni consultare il programma

 

 

28 maggio 2012

Nasce “Fondazione Ricerca & Imprenditorialità”, nuova linfa per le start up

Sviluppare la competitività scientifica e tecnologica del nostro Paese per favorirne la modernizzazione, l’innovazione e la produttività, con riflessi immediati sulla capacità delle imprese di crescere e di stare al passo con il mercato internazionale.

Con questo obiettivo nasce la Fondazione Ricerca & Imprenditorialità che si propone di favorire il trasferimento tecnologico dai laboratori e dai Centri di Ricerca accompagnando e stimolando la crescita di Pmi e start-up ad alto contenuto tecnologico.

I soci fondatori rappresentano i tre pilastri fondamentali sui quali costruire le basi per una crescita solida e sostenibile: le università, l’industria e la finanza. La Fondazione Politecnico di Milano, l’Istituto Italiano di Tecnologia, la Scuola Superiore Sant’Anna, Enel, Finmeccanica, Intesa Sanpaolo e Telecom Italia hanno pertanto deciso di mettere a fattor comune risorse e competenze, tra di loro complementari, per: 

  • promuovere la nascita di piccole imprese quali importanti catalizzatori dell’innovazione tecnologica;
  • selezionare piccole imprese innovative meritevoli di essere sostenute nella loro crescita così da raggiungere un livello attraente per operatori e investitori;
  • diffondere la conoscenza tra le Pmi tecnologiche e favorirne l’integrazione in filiere ad alto contenuto di innovazione.

La Fondazione vuole, pertanto, favorire l’osmosi tra imprese, ricerca e adeguate competenze industriali, economico-finanziarie. L’iniziativa vuole essere, infatti, un’opportunità per generare business attraverso l’incontro fra domanda e offerta.

In particolare, le principali iniziative che la Fondazione Ricerca& Imprenditorialità vuole realizzare sono:

  • una scuola permanente di formazione per la nuova imprenditorialità e l’organizzazione di workshop tematici di collegamento;
  • la mappatura e il reperimento di finanziamenti a fondo perduto disponibili a livello nazionale e sovranazionale; 
  •  la facilitazione dell’ingresso di Fondi di “Seed Capital” e di “Private Equity” a sostegno degli spin off;
  • la creazione di un sistema di partnership tra pubblico e privato per condividere l’interesse ad utilizzare le attività di ricerca, di alta formazione, di training e di trasferimento tecnologico come leve strategiche nelle loro attività;
  • il rating degli Spin-Off e delle aziende tecnologicamente avanzate.

Le imprese, partner dell’iniziativa, focalizzeranno il proprio impegno sull’affinamento del modello di business delle nuove aziende innovative e sullo sviluppo del loro accesso al network internazionale, facendo leva sull’eccellenza tecnologica sviluppata nelle rispettive aree di interesse: dall’energia, alle telecomunicazioni, dai trasporti, al settore aerospaziale e alla difesa.

Importante: la Fondazione non ha ancora una sede ma a breve ne verrà predisposta una a Roma e, successivamente, sarà presente con sedi operative anche in altre città italiane.

Per ulteriori informazioni contattare Francesco Ceccarelli allo 050 883378 o scrivere a f.ceccarelli@sssup.it

 

 

 

27 marzo 2012

Sviluppo Lazio riapre il bando “Progetti innovativi di sostegno ai sistemi produttivi”

Filed under: RomaCrea Notizie OnLine — Tag:, — RCN @ 10:26

Con la riapertura dell’avviso “Progetti innovativi di sostegno ai sistemi produttivi” sono nuovamente disponibili fondi a sostegno delle imprese che operano in aree strategiche per il territorio laziale: dal distretto chimico-farmaceutico del Lazio meridionale all’Agro-industriale Pontino; dal sistema dell’elettronica della Tiburtina a quello dell’innovazione nel Reatino: il finanziamento è di oltre due milioni di euro.

In particolare, vengono finanziati progetti mirati a un rafforzamento complessivo dei sistemi produttivi locali regionali individuati, con programmi finalizzati al conseguimento di una ricaduta di interesse e utilità comune per le imprese del sistema produttivo locale interessato. I progetti devono essere condotti da soggetti aggregati in forma di Associazione temporanea d’imprese (Ati), Consorzio, Associazione temporanea di scopo (Ats) o di Contratto di rete.

Al bando sono ammessi programmi di investimento per un importo complessivo di spesa non inferiore ai 100mila euro, con un limite massimo di contributo pari ai 300 mila euro per ogni singolo beneficiario.

I moduli per la presentazione delle domande sono disponibili su www.sviluppo.lazio.it. La procedura prevede la prenotazione telematica on line (entro le ore 18 del 15 maggio 2012) e l’invio della documentazione a Sviluppo Lazio entro il 15 maggio 2012.

 

26 gennaio 2012

Le imprese che innovano possono contare su un Fondo da 500 mila euro

Sostenere le imprese che operano nella creatività nell’area metropolitana di Roma e favorire la nascita di nuove aziende nello stesso settore. Questo lo scopo del Fondo per la creatività che prevede uno stanziamento complessivo di 500mila euro e un cofinanziamento al 50% dalla Camera di Commercio di Roma e al 50% dalla Provincia di Roma. L’iniziativa, infatti, vuole favorire la nascita di nuove aziende, micro, piccole o medie, e sostenere progetti proposti da imprese già attive di questo tipo.

Il prestito, dunque, è finalizzato a sostenere:

  • la creazione e l’avvio di micro, piccole e medie imprese ad alto contenuto creativo e innovativo;
  • iniziative progettuali ad alto contenuto creativo e innovativo di micro, piccole e medie imprese di recente formazione (meno di 24 mesi dalla data di pubblicazione del presente bando).

I contributi, inoltre, sono assegnati sulla base di una graduatoria redatta a seguito dei progetti presentati, fino a concorrenza dello stanziamento complessivo.

L’agevolazione concessa per ciascuna impresa consiste in un contributo pari al 70% delle spese riconosciute ammissibili.

I progetti di impresa devono riferirsi ad almeno uno dei seguenti settori, pena l’esclusione dalla valutazione:

  • architettura;
  • arte;
  • artigianato artistico;
  • disegno industriale;
  • moda;
  • pubblicità e comunicazione;
  • fotografia;
  • editoria;
  • industria dello spettacolo;
  • audiovisivo.

Possono beneficiare del finanaziamento, le imprese iscritte al Registro Imprese della Camera di Commercio con sede legale e operativa nel territorio della Provincia di Roma.

Il termine ultimo per presentare la domanda è il 9 marzo 2012.

E’ possibile richiedere informazioni scrivendo a servizimprese@provincia.roma.it

Leggi il bando completo

 

 

 

Confcommercio: al via il premio nazionale per l’Innovazione nei servizi

Filed under: RomaCrea Notizie OnLine — Tag:, , , , , — RCN @ 11:53

È partita la quarta edizione del “Premio nazionale per l’Innovazione nei servizi” promosso e organizzato da Confcommercio. Il concorso, rivolto a tutte le aziende italiane, con sede legale in Italia e con attività primaria nel settore del commercio, del turismo e dei servizi alle imprese e alla persona, ha come obiettivo quello di valorizzare e sostenere le migliori capacità innovative e creative di aziende, università, enti o singoli ideatori, anche al fine di favorire la crescita della cultura dell’innovazione del Paese.

Le categorie di premio previste per l’anno 2012 sono:

  1. Innovazione nel commercio;
  2. Innovazione nel turismo;
  3. ICT nei servizi;
  4. Service Design nei servizi.

Le imprese vincitrici verranno premiate il prossimo 12 giugno, nel corso della cerimonia dedicata alla “Giornata nazionale dell’Innovazione”, con una onorificenza consegnata dal Presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano.

Come per le precedenti edizioni, Confcommercio conferirà un ulteriore riconoscimento quale:  “Menzioni di merito” alle imprese il cui progetto presenti spiccate caratteristiche di originalità e creatività.

Per partecipare è necessario compilare la modulistica online disponibile sul sito  http://premioinnovazione.confcommercio.it/ entro il 12 aprile 2012.

 

22 dicembre 2011

Imprese: l’innovazione si chiama moneta complementare

Filed under: News — Tag:, , , — RCN @ 10:31

Si chiamava baratto, oggi si chiama scambio o compensazione multilaterale, barter trade o corporate barter negli Usa. Ma di cosa si tratta? Di un nuovo strumento di commercio che offre alle imprese maggiore liquidità e maggiore capacità di attrarre nuova clientela. In che modo? Permettendo alle aziende associate ad un network organizzato di acquistare, presso fornitori qualificati del network, beni e servizi necessari alla propria attività senza esborso monetario, ma pagando con la vendita di propri beni e servizi a nuovi clienti conosciuti grazie al network. Ciò significa trasformare acquisti a budget in fatturato incrementale ovvero acquisti necessari in nuovi clienti, ma significa anche trasformare giacenze di magazzino o capacità produttiva in maggiore potere d’acquisto.

Tutto questo è possibile grazie alla moneta complementare che regola le transazioni all’interno del network e che consente ai venditori di non dover accettare, come contropartita della vendita, la merce offerta dagli acquirenti. Infatti, i venditori possono sfruttare il credito commerciale acquisito per comprare ciò di cui necessitano presso qualsiasi fornitore del network. Più facile a dirsi che a farsi, lo sanno bene gli oltre 200 imprenditori e professionisti che hanno partecipato al Business Meeting organizzato dal Business Exchange Business (BexB) a Roma, lo scorso primo dicembre. L’evento ha rappresentato l’occasione per conoscere nuovi clienti, fornitori e partner, ma soprattutto l’opportunità di incrementare i propri affari in moneta complementare.

Gli imprenditori associati a BexB non fanno altro che canalizzare una parte dei propri acquisti all’interno del network: in questo modo risparmiano liquidità e conoscono nuovi clienti. A supporto di ogni azienda un trader dedicato si occupa di promuovere le aziende nel circuito e di facilitarne le trattative. Una serie di strumenti promozionali sono inoltre a disposizione di ogni associato: la vetrina aziendale in area riservata, la newsletter verso gli associati e la partecipazione gratuita ai meeting organizzati periodicamente nelle principali città italiane. Durante l’ultimo meeting, BexB ha organizzato 439 incontri tra le oltre 90 imprese presenti sulla base delle richieste precedentemente manifestate da ogni associato.

Per ulteriori informazioni contattare lo 030 3750914

 
Older Posts »
© 2017 Camera di Commercio di Roma - Qualunque utilizzo è vietato se non autorizzato dell'ente - Sito realizzato da Menexa
Informativa Privacy